Lorenzo Musetti onora la wild card e supera le qualificazioni a Dubai

Lorenzo Musetti onora la wild card e supera le qualificazioni a Dubai

Con una maiuscola doppiettà nel weekend, Lorenzo Musetti onora la wild card offertagli per le qualificazioni all’Atp 500 di Dubai e accede al tabellone principale battendo ieri l’australiano Popyrin e oggi il russo Donskoy.

A quanto pare al giovanissimo Musetti il circuito non eminente di futures e challenger sta davvero stretto. Spesso svogliato (anche questa settimana a Bergamo) e redento da giocatori di meno talento e avvenire, si sveglia nelle situazioni che contano.

Era successo a inizio anno in Australia dove ha sfiorato il tabellone principale, motivato da un’altra wild card, ci è appena riuscito a Dubai, nonostante un sorteggio severo.

Purtroppo le quali di Dubai non erano coperte da streaming e ci si è accontentati di un livescorismo semidormiente, visto anche gli orari delle gare. Sorprendente ieri con il giovane australiano, autoritario oggi con Donskoy, che Musetti ha divelto in entrambi i set al tie break.

Musetti ci farà divertire, forse a sprazzi, ma ci farà divertire. E incazzare naturalmente. Ha più grazia che tigna, colpi che strategia e quindi mi pare detenere più i crismi di un certo italianismo talentuoso e incostante molto più canèfogninesco che impiegatizio, diversamente dagli interpreti di quella generazione di mezzo che oggi ha superato i 25 anni e lotta da un lustro abbondante per entrare nei primi 100.

Lo immagino nei prossimi anni giocarsela alla pari con un top ten sulla singola partita e perdere male da qualche ecuadoregno in sulfurei 250 sulla terra, ma staremo a vedere.

Per ora ha già conquistato il primo turno del suo primo Atp 500 dove lo aspetta uno tra Gunneswaran (magari!), Gasquet (mi piacerebbe), Lu (sì, Lu, il taiwanese scomparso dall’emisfero…) e Rublev. Tranne l’ultimo direi che ha possibilità con tutti.

AdrianoAiello

Cinema, musica, cibo, vino, poker, risiko, calcio manageriale, scrittura, scrittura, scrittura. E tennis naturalmente. Ho speso una vita inseguendo le mie passioni, trasformandole troppo spesso in ossessioni. Tra tutte queste, il tennis, che seguo maniacalmente da più di 30 anni [...]
Chiudi il menu